UN PIATTO PER L'ITALIA in Crociera sul Mediterraneo

Un Piatto  per l’Italia in Crociera, per i 150 anni dell’Unità d’Italia, conquista i circa 4000 passeggeri e tutto l’ equipaggio di Fantasia, nave di MSC Crociere. L’esposizione e degustazione di prodotti del Made in Italy, si integra con i profumi del mar mediterraneo. Questa, in due righe, la sintesi estrema di un iniziativa originale e di successo.

Immagina una nave, l’ammiraglia di MSC CROCIERE, la FANTASIA, capace di trasportare 4.000 passeggeri e 1.332 personale costituente l’equipaggio. Le aziende partecipanti con i loro prodotti in esposizione alla vista di gente in vacanza, rilassata, ben disposta, pronta a degustare, apprezzare, riportare e diffondere, al ritorno a casa, agli amici, ai parenti, i ricordi, i filmati, le foto e fisicamente le eccellenze made in Italy. Tra i passeggeri, quelli invitati per l’occasione dagli organizzatori, alcuni Ristoratori italiani all’estero, con i quali nascono, complice il luogo e l’atmosfera, rapporti stabili e duraturi d’amicizia e d’affari.

Questa è la proposta nata da  Un Piatto per l’Italia, format  sperimentato con successo a maggio a Pescara. Sono appena trascorsi gli ultimi scampoli d’estate e nel mediterraneo il primo autunno ha ancora il caldo del sole che invoglia alla pigrizia, ma con quell’aria che stimola la ripresa delle attiva lavorative. Ben vengano iniziative come  Un Piatto per l’Italia  che mostrano ai cittadini del mondo la professionalità delle nostre aziende, l’amore che piccoli e medi imprenditori mettono nel realizzare i prodotti eno-gastronomici e agro-alimentari, la qualità e la genuinità del Made in Italy, il senso dell’ospitalità.

Il modo migliore per celebrare l’anniversario dell’Unità d’Italia è proprio mostrare i lati positivi del Paese. Non basta; la presentazione e le degustazioni sono state accompagnate da un moto d’orgoglio dell’essere italiano e come «Duemila anni fa l'orgoglio più grande era poter dire civis Romanus sum. Oggi, nel mondo libero, l'orgoglio più grande deve essere,  poter dire "Io sono italiano”». Purtroppo al di la dello sventolio della bandiera, molti italiani hanno perso l’orgoglio, ma la P.M.I., dalla proprietà a chi lavora con questa, certamente No.

Il mondo a bordo della nave, che nella crociera partita da Civitavecchia ha fatto scalo nei porti di Genova, Marsiglia, Barcellona, Tunisi, Malta e Messina,per far ritorno a Civitavecchia, era composto da un 30% di italiani e ben il 70% da cittadini europei ed extra europei. Alcuni numeri serviranno ad evidenziare il carattere internazionale: si sono contati, a fronte di 1048 italiani, 380 tedeschi, 844 dell’area inglese, 102 francesi, 190 spagnoli,125 provenivano da Malta, 10 gli austriaci, 269 svizzeri, 27 venivano dalla Danimarca,13 gli irlandesi, 30 gli svedesi, 125 olandesi, 194 cittadini degli Stati Uniti d’America, 24 argentini, 38 australiani, 30 canadesi, 97 provenienti dalla Cina e 69 dal Giappone,101 dalla Tailandia e 8 da Taiwan, 32 da Israele,ed ancora dalla federazione Russa, dalla Polonia, Romania, Portogallo …. e numericamente piccole rappresentanze dal resto del mondo fino ad una elegante e minuta signora proveniente da Hong Kong alla quale piacevano tutti i vini in esposizione che ha degustato da vera intenditrice anche più volte nel corso della crociera.

La gran varietà di vino in degustazione ha messo in luce le differenti preferenze secondo la provenienza geografica dei passeggeri, tanto che, dopo accurate verifiche,  potremmo suggerire ai produttori su quali Paesi esportare i loro prodotti. Un fattore è comune nel mondo: la golosità, che accomuna donne e uomini sia europei che extra europei. Infatti uno strepitoso successo ha avuto la crema dolce di pistacchio di Bronte, tanto da ricevere un nuovo nome “oro verde”… un oro che per raggiungere la celebrità meriterebbe  un novello Nanni Moretti come lo ricordiamo nel film Bianca (n.d.r. il film del 1984 vede curare tutte le difficoltà dell’uomo con la Nutella).

Naturalmente con il pistacchio di Bronte (il migliore del mondo senza tema di smentite) si sono presentati dolci e salati come il pesto  o il PanBacco, un panettone farcito con la crema di pistacchio naturalmente. Tutti i giorni, in orari differenti, abbiamo intrattenuto i croceristi con degustazioni e insegnamenti di cucina, aneddoti storici, ricette e accostamenti cibo – vino , in questo con la consulenza dei Ristoratori italiani all’estero e gli chef dei ristoranti di MSC. Per inciso la cucina a bordo, in particolare la cena, era rigorosamente italiana, con piatti della cucina regionale (romana, palermitana, genovese bolognese, ogni sera diversa) senza considerare la proposta dello chef stellato Mauro Uliassi di Senigallia.

MSC crociere ha costituito il fattore di successo della nostra manifestazione, non solo per la cucina o gli spettacoli teatrali organizzati con gusto, eleganza, meravigliosi costumi, sfarzosa scenografia e sapiente uso delle luci nonché per l’alto contenuto dei diversi numeri, ma soprattutto per la professionalità degli ufficiali dal Comandante Mario Stiffa al Commissario Pasquale Russo, Direttrice Anna … ma fermiamoci perché rischiamo di dimenticarci tutti coloro che sono stati prodighi di consigli, collaborazione,sostegno e sincera amicizia. Senza di loro ci saremmo perduti!

Non possiamo però dimenticare il personale che a terra, a Roma, Napoli e Salerno, ha consentito e collaborato con noi nel realizzare l’evento: Luigi Cerracchio (sales manager), Matteo Esposto (vendite), Francesca Maresca che ha suggerito il programma realizzato in crociera.

 

Ed ora un grazie a: 

Marcello Russodivito amico sincero, chef e patron del MARCELLO’S RESTAURANT di cucina rigorosamente italiana a Suffern, Rockland County  -  New York State (USA) 

Nicola Marino amico sincero, chef e patron del ristorante “Piazze d’Italia” dove, a Barcellona (Spagna) si gustano i piatti della nostra tradizione

Lucia Croce una preziosa risorsa non solo per Bolgheri wine distribution che ha presentato i vini BOLGHERI  Casa di Terra, ma che certamente ci affiancherà nelle nostre prossime iniziative 

Roberto Terzuoli giovane appassionato e competente viticoltore dell’azienda, sua e della moglie, Azienda Agricola Sasso di Sole produttore di Brunello di Montalcino e Orcia Rosso

Claudio Luca amministratore unico della Bacco s.r.l. di Bronte (Sicilia), specializzata in prodotti tipici a base di pistacchio. Claudio e un giovanissimo siciliano che ha abbandonato le tradizioni di famiglia (genitori medici) per l’esaltante vita dell’imprenditore.

- Giuseppe Gambaro che con la moglie Maria oltre a produrre dell’ottimo vino chianti ed  olio extravergine ospitano in un caratteristico agriturismo che da il nome all’azienda “ Fattoria Casa Sola

Antonio Cerasella ceramiche artistiche dalla costiera amalfitana. Arte – tradizione – qualità – serietà. L’azienda a voluto donare ai croceristi maggiormente interessati una mattonella decorata a mano, raffigurante PosItano, che è stata molto apprezzata.

Dott.sa Lorella Del Grosso   

Ing. Cirino Carroccio