MISSION

CIAO ITALIA 2.0 ha missione e categorie rappresentative diverse dal passato tanto da far ricordare una nostra iniziativa, un evento  inserito nel Congresso degli amici tedeschi a Darmstadt, che come tema era centrato su “Ritorno al Futuro”.

Tema che potrebbe tranquillamente essere quello di questa giornata fondativa. Con tale titolo volevamo significare un cambiamento che non dimenticasse il nostro passato, ma nel contempo andasse verso un futuro che sconvolgesse le tradizionali rappresentanze che, via via, aumentando di numero, vanno perdendo la forza di incidere sui governi di qualsiasi colore. I tempi non erano maturi per un futuro che andava ad incidere su interessi (effimeri) dei “reduci”.

Ci auguriamo che oggi le forze resistenti al cambiamento siano più deboli e consentano di fare di questo giorno una giornata storica, pur nella limitatezza che diamo al termine storia.

Ciao Italia 2.0 non può diventare un’Associazione di nostalgici che hanno, nell’associazionismo, visto un’occasione per  incontrare gli amici ; questo è bello, ma non è la nostra missione.

Le nostre idee saranno motivo di confronto, trasparente, leale, senza manovre di palazzo o peggio agendo sui più deboli confondendo le loro menti o manovrando  con un  “doppio gioco” tanto subdolo quanto meschino.

Ciao Italia 2.0

Il Futuro ha bisogno di te

Logo di Ciao Italia 2.0

Il Logo elaborato rispecchia diversi significati.

- il simbolo della "Bocca della Verità" in secondo piano ricorda da dove veniamo essendo la base del primo Logo di Ciao Italia

- le strisce colorate che richiamano le "frecce tricolori" sottolineano la nostra italianità

- il bollo in fondo a destra sottolinea l'aspirazione, con la scritta "Made in Italy in the World" di essere rappresentativi nel mondo di tutto ciò che costituisce il settore della cucina e dei prodotti del Paese e dei settori ad essi collegati ai fini delle esportazioni

 - Selezione Italia al centro del bollo indica che effettuiamo una selezione sulla qualità di chi rappresentiamo.

Il 30 maggio 2015 i ristoratori italiani nel mondo e i produttori eno gastronomici ed  agro alimentari del made in Italy hanno fondato l’Associazione Ciao Italia 2.0 che li rappresenta unitariamente.

L’ambizione è di crescere rapidamente aprendo la rappresentanza al turismo con lo scopo di aumentare oltre i classici 3 giorni le presenze nel Paese, alla cultura, all’arte, alle bellezze paesaggistiche, alle opere dell’uomo ed alle  scuole di cucina.

E’ un cambiamento come tanti in Italia, ches’impone per modernizzare il Paese, fermo almeno da 30 anni e dove le forze conservatrici s’oppongono per salvaguardare i propri privilegi a scapito degli interessi della collettività.

Le rappresentanze di categoria sono in crisi e rischiano l’estinzione perché sono un retaggio del passato veramente anacronistico come  CGLI, CISL, UIL e CONFINDUSTRIA. Non possono esistere rappresentanze “cinghie di trasmissione” di partiti quali PCI, DC, PSI che non esistono più o di industrie che hanno ritirato le adesioni ed inoltre in un Mondo che ha cambiato, quando c’è, il lavoro: modalità,natura  ed operatività. Noi di Ciao Italia 2.0 aggreghiamo per costituire quelle sinergie fra settori con obiettivi convergenti e indirizzate a conquistare l’egemonia nei mercati mondiali.

Produttori e Ristoratori sono i due anelli che si frappongono ai consumatori, due anelli che devono essere di materiale prezioso per avere un prestigio internazionale.

Nasce Ciao Italia 2. 0

Non tutti potranno essere iscritti all’Associazione, ma solo quei Ristoratori e Produttori che risponderanno a determinati requisiti.

Una formula per combattere l’ Italian sounding

Divulgare le conoscenze della cucina italiana  sottolineando che la cucina è si tradizione, ma anche un continuo divenire in armonia con le influenze e contaminazioni culturali, nella ricerca di nuove modalità di eno agricoltura e di comunicazione manageriale.

Nasce Ciao Italia 2.0

Il vino, la cucina non sono solo cibo e bevanda, ma sono arte, seduzione, trasmissione di sentimenti primo fra tutti la passione.

Nasce Ciao Italia 2.0

Il fine è aumentare il business dell’esportazione e i margini di guadagno, adottando forme nuove di vendita, nuove strategie e sfruttando tutti i mezzi di comunicazione.

Nasce Ciao Italia 2.0

 A capo di Ciao Italia 2.0 è stata eletta una donna

Presidente per 5 anni, Lorella Del Grosso

esperta tra l’altro di vino, di cucina, di rapporti interpersonali, d’organizzazione, di uso dei moderni mass-media.

Le altre cariche, previste dallo Statuto dell’Associazione approvato in sede di riunione, saranno fatte in un secondo tempo, quando le due categorie, dopo essersi annusate, cominceranno a fare amicizia ed elaborare insieme progetti di lavoro.

 Ciao Italia 2.0 è finalmente nata

Perché CIAO ITALIA 2.0

Da diverse parti si chiede perché fondare una nuova aggregazione quale CIAO ITALIA 2.0 quando esiste una moltitudine di associazioni quali quella dei cuochi, dei sommelier, dei ristoratori, dei produttori di vino, di olio, una almeno per tipologia e provenienza, di diverse specializzazioni di prodotti agro alimentari, e potremmo continuare quasi all’infinito.

Una prima ragione la troviamo nei nostri organismi Statali che, dalle esperienze negative del recente passato, tendono a snobbare anche Associazioni come CGIL, CISL, UIL o della Confindustria, quindi un tentativo per farsi ascoltare non è rappresentare singole categorie, ma quello di parlare ed agire per vaste aggregazioni di interesse votate a incidere nell’economia del Paese.

Oggi tutti parlano, riferendosi alla nostra crisi, di uno sbocco nelle esportazioni visto il momento favorevole di un Euro debole rispetto al dollaro, moneta mondiale di riferimento, ma nessuna azione concreta e sostegno anche organizzativo viene dallo Stato.

E’ noto che altre Nazioni europee e non, sostengono le loro esportazioni e perfino declassano e imitano i nostri prodotti.

Un esempio recente:

Il Bocuse d’or concorso biennale giunto alla 15° edizione svoltosi a Lione, sulla cucina elaborata da squadre nazionali di cuochi, che, sotto la gestione francese, si vuol far passare per una competizione che fotografa la realtà, ha portato alla vittoria la squadra della Norvegia, mentre l’argento è andato agli Stati Uniti ed al terzo postola Svezia.

E' l’Italia che si vanta di avere la cucina e i prodotti migliori e garanti del mondo?

L’Italia non si è nemmeno qualificata alla finale di Lione, dove erano presenti 23 Paesi, non riuscendo a classificarsi, nella selezione svoltasi a Stoccolma, tra i primi 12 avendo conseguito solo la 15 posizione.

Quanto lavoro per Ciao Italia 2.0 !


 INVITO APERTO 

La storica CIAO ITALIA Associazione dei ristoratori italiani all’estero, fondata nel 1982 dall’On. Bartolo Ciccardini ha esaurito, con la morte recente dell’Onorevole, tutto il suo mandato ed è legalmente chiusa.

I Soci, che costituivano in ogni Paese del mondo, il punto di riferimento del made in Italy, spesso supportati dalle Ambasciate e Consolati italiani nonché tenevano rapporti con le autorità locali delle Nazioni ospitanti, hanno espresso la volontà di fondare una nuova aggregazione.

E’ evidente che un mondo è cambiato dal 1982 e non avrebbe senso percorrere strade obsolete. Si sta quindi lavorando per la costituzione di una Aggregazione aperta ad aree legate, direttamente o indirettamente, dal un comune interesse della diffusione e commercializzazione del made in Italy nel mondo.

La prima fase è rappresentare e responsabilizzare pariteticamente le aziende eno–gastronomiche ed agro–alimentari e i ristoranti di cucina italiana che usano come materie prime i prodotti dei soci.

Quanto sopra per invitarvi ad essere protagonisti della fondazione della nuova Associazione CIAO ITALIA 2.0 disegnandola anche con le esigenze dei produttori che evidentemente interverranno negli eventi, da programmare, presso i ristoranti di cucina italiana in tutto il mondo e/o presso le vostre aziende se in grado di fornire una ospitalità a delegazioni estere (soci, buyer, importatori, distributori).

Sicuri che l’idea vi potrà interessare, stante l’esportazione una risposta alla contrazione dei consumi interni, restiamo in attesa di un vostro contatto e adesione.

 Lorella  Del Grosso                                                              Cirino  Carroccio

 

cell.+39.338.7107477                                                         

Skype professionisti_srp                                                   

        lorelladg                                                                                      

e-mailprofessionisti_srp@hotmail.it 

e-mail: ciaoitalia2.0@hotmail.com